Thursday, June 13, 2013

300 rise of an empire

Ne parlo oggi, un po' per tenere vivo il blog, un po' perchè è da stamattina che su FB (nella mia cerchia di amici nerd) non si parla d'altro, ma in generale siamo un po' tutti d'accordo: ma ce n'era davvero bisogno? Ovviamente no.
Comunque 300-2: ovvero, di come Snyder e Miller dovrebbero darsi a passatempi più edificanti, chessò: l'ippica, il macramè, il cake design oppure l'autocombustione spontanea.

E nella puntata di oggi di Game of Thrones, Cersei, siccome abbiamo finito il barattolo degli Stark, aizza dei palestrati contro gente a caso oltre il Mare Stretto...

Di seguito la reazione mia generale al trailer:

seguiranno improperi degli amici appassionati di storia classica.

Che poi a me il primo 300 (tanto per ribadire il concetto, proprio non mi è piaciuto) piace ricordarlo così:
This is Sparta, rimane la meglio battuta del film comunque U_U




Wednesday, May 29, 2013

Carrot cake!

Il 18 abbiamo organizzato una piccola festicciola per il primo compleanno di Stormageddon, nulla di pretenzioso, ma nonostante questo è stato un pomeriggio molto piacevole.
E per ogni compleanno che sia degno di questo nome, non poteva mancare la torta, in questo caso la prima torta della sua vita. Quindi questo ci riporta qui, ed al post di oggi, ovvero alla ricetta della nostra Carrot cake, che potete vedere qui di sotto (si sono una persona pigra e non scannermunita XD).

Tuesday, May 14, 2013

Buon compleanno, Valeria

Un anno fa eravamo così.

 Oggi siamo così.

Buon compleanno Oscura Signora di Tutto!


Monday, May 13, 2013

Camminata domenicale

La mia prima festa della mamma!
Non sapevo cosa avremmo fatto per festeggiare, l'unica cosa che avevo chiesto era andare a mangiare dei cupcakes in questo locale, che è abbastanza vicino casa e siccome ieri c'era il blocco del traffico ed una bellissima giornata, decidiamo di andarci a piedi.
Carichiamo Figlia nel passeggino e partiamo e in meno di 15 minuti arriviamo alla bakery (via Thaon de Revel), dove prendiamo due tortine (una al lime ed una alle carote). Dato che è la festa della mamma, le due commesse mi regalano anche un cake pop, che viene divorato in un attimo. GNAM!
Ora il nostro obiettivo è fare merenda, invece di tornare a casa per mangiare i dolcetti, decidiamo di cercare un posto tranquillo dove fermarci un po'. Sono convinta che da qualche parte, qui nei dintorni, debba esserci un parchetto o qualcosa del genere, così via si parte dritto davanti a noi, ma le panchine che incrociamo per via Borsieri sono tutte occupate, e allora che si fa? Un piede avanti all'altro e si prosegue... via Borsieri finisce, siamo sul cavalcavia di Garibaldi e dobbiamo ancora mangiare i nostri cupcakes, così allunghiamo ancora, destinazione corso Como, dove finalmente riusciamo a sederci in tranquillità per fare merenda.

Gnam gnam

Da corso Como proseguiamo poi fino a Moscova, dove visto l'orario, decidiamo di prendere un tram e tornare a casa. Nella mappina qui sotto potete vedere la strada che abbiamo percorso, con l'unica differenza che dal punto F a quello G abbiamo tirato dritto per corso Garibaldi, stessa cosa per il punto H e I, dove abbiamo semplicemente attraversato i Bastioni di Porta Volta.

 

Friday, May 10, 2013

Uno dei motivi per amare Warren Ellis











Che poi, io, la amerei ancor di più se il tempo si desse una regolata :P 

Wednesday, May 08, 2013

Gombo, gombo, gombo!

Ieri sera ho finalmente assaggiato il gombo! Nonostante il nome richiami (o almeno nella mia testa lo fa)  un qualche tipo di pesce non meglio specificato, trattasi invece di una pianta della famiglia delle malvacee, originaria dell'africa, usata in gran quantità in diverse cucine etniche (vedi la diapositiva qui sotto).

Il gombo è assai usato nella cucina cajun. È presente anche nella cucina greca (bamies), bosniaca (bamije), in quella albanese (bamje), nella cucina brasiliana (quiabo), nella turca (bamya), nella cucina giapponese ed in quella rumena (bame). Attualmente viene coltivato anche in Italia (p.es. nella Provincia di Latina) e venduto nei mercati delle grandi città italiane, data la domanda di questo prodotto da parte delle varie comunità di immigrati che ne fanno uso nella propria cucina.
Essendo io, fin da tempi non sospetti (ovvero prima ch diventasse di moda e mainstream) amante della cucina tradizionale americana, avevo sempre desiderato provare la cucina cajun e il gumbo (il piatto simbolo della cucina creola) complice anche la visione de "La Principessa e il ranocchio", dove quello che nella versione italiana è una semplice zuppa, altro non è che il gumbo (per l'appunto).




La vera difficoltà nel preparare questo piatto sta nel trovare uno degli ingredienti chiave - il gombo!!! -prima di questa settimana non mi era mai capitato di trovarlo. E' anche vero che in una metropoli cosmopolita come Milano, non è così difficile trovare certi ingredienti, per comprare dell'ocra mi sarebbe bastato andare in qualche market etnico ben fornito le mie fonti mi dicono che in zona stazione centrale si trova tranquillamente), tuttavia il mio culopiombismo me lo ha sempre impedito, se non che durante la mia ultima spesa l'ho visto nel banco ortofrutta del mio supermercato di fiducia, e così la verde malvacea è finita nel mio carrello della spesa.
Veniamo, dunque, a ieri sera. Non avendo abbastanza tempo cucinare il gumbo era fuori discussione, dato che è una preparazione lunga e complessa, così ho ripiegato su un riso ai peperoni in stile cajun, che con i dovuti accorgimenti mi ha richiesto circa 15 minuti di preparazione.
Una volta impiattato con malagrazia il tutto (è risaputa la mia incapacità nel presentare quello che prepariamo da mangiare), mi sono fatta coraggio ed ho assaggiato, perchè davvero non sapevo cosa aspettarmi, dato che non sono proprio un'amante delle verdure.

E quindi?
E quindi la mia prima impressione è stata di sorpresa. Mi aspettavo una consistenza ed un sapore simile a quello dei cornetti, dato che mi era stato detto che il sapore e la consistenza dell'ocra li ricordava, ma più aromatico e speziato... invece nulla di tutto questo. Ad essere sincera il gombo ha un sapore neutro, più che i cornetti ricorda il pane (lo so il paragone sembra assurdo) e non è per niente piccante ed aromatico. C'è da dire che il riso che abbiamo mangiato ieri sera è pensato per essere un accompagnamento ad un piatto di carne più strutturato, quindi quella ricetta presa da sola non funziona, però in se e per se devo dire che l'ocra non è spiacevole, anche se non è una verdura che funziona da sola.

Wednesday, April 24, 2013

Montalbano, I am!


Stamattina, nel mio consueto giro mattutino di internet ho visto questo servizio del corriere.
Sul finale ci offre uno spunto di riflessione sullo stato agonizzante della fiction in Italia.
Uno dei pochi prodotti esportati è Montalbano che è trasmesso dalla bbc, io mi sono subito chiesta come si poteva rendere un linguaggio così peculiare in inglese. La risposta è non si può, infatti Montalbano viene trasmesso in italiano sottotitolato in inglese.


Ora, questo dovrebbe darci un'idea di quanto all'estero ci sia una cultura della serie che qua da noi manca. E al primo che se ne esce col discorso che il doppiaggio da noi è il migliore al mondo, dirò: vero il doppiaggio da noi è eccellenza, ma lo stesso non si può dire del reparto adattamento.